Sui mezzi pubblici con Fido!

Ecco una breve guida alle norme e comportamenti da adottare quando si utilizzano i mezzi pubblici con il nostro amico a 4 zampe.

Normalmente il cane può salire sui mezzi di trasporto urbano, rispettando però delle regole comuni a cui, talvolta, possono aggiungersi quelle dell’azienda di trasporti, libera di decidere autonomamente come regolamentare l’accesso dei nostri amici. Solitamente comunque, ai cani è permesso salire sui mezzi di trasporto come autobus, metropolitana o tram purché indossino la museruola e siano al guinzaglio, come previsto dalla legge. A parte alcune limitazioni stabilite dalla singola società di trasporto, che vanno quindi controllate città per città, vigono una serie di regole comuni ai diversi mezzi alle diverse località che vanno rispettate se si vuole salire su un mezzo di trasporto pubblico con il proprio cane. Vediamoli nel dettaglio.

Autobus
Il cane può salire sull’autobus purché non sporchi, non intralci né disturbi gli altri passeggeri. In questo caso, il proprietario sarà tenuto a pagare una multa. I cani di piccola taglia possono essere portati in braccio, quelli di media taglia o da caccia devono essere dotati di museruola e guinzaglio.
Se però il mezzo pubblico è molto affollato l’autista può decidere di negare l’accesso al cane. Sono ammessi, infatti, circa 3-4 cani per veicolo. I cani guida per non vedenti sono sempre ammessi gratuitamente, a meno che il non vedente sia assistito da accompagnatore con viaggio gratuito. Sull’autobus extraurbano le limitazioni sono maggiori: il cane è ammesso solo se di piccola taglia e dotato di museruola e guinzaglio.

Tram e metropolitana
A Milano e a Roma, su ogni tram e ogni carrozza della metro non possono esserci più di due cani per volta. Sono ammessi i cani guida dei non vedenti con museruola e guinzaglio. I cani di piccola taglia vanno tenuti in braccio, quelli di taglia media sono ammessi solo nelle ore non di punta. I cani da caccia, in particolare, possono essere portati fino alle 8 del mattino e dalle 20 in poi.

Il biglietto
Il regolamento dei mezzi pubblici dice che ogni passeggero è tenuto a pagare il biglietto per salire a bordo e utilizzare il servizio di trasporto. Sempre con le eventuali eccezioni decise localmente. A Milano e a Roma, il cane deve pagare il biglietto e deve salire sulla prima o ultima carrozza del tram o della metro. A Torino e a Bari, se di piccola taglia e in braccio al padrone, il cane non paga. Quelli di taglia media non sono ammessi. A Napoli il biglietto si paga in base alla taglia: quelli piccoli non pagano, quelli di taglia media sì. In generale la tariffa da pagare è stabilita dalla singola azienda di trasporto. I cani guida viaggiano sempre gratuitamente.

Tags
Leggi

2 commenti

  1. é succeddo anche a me Paola, tranquilla, trovano tutti i modi per lucrare, ormai è una cosa incredibile.
    E considera che il mio, (un pincher) l’avevo nella borsetta……………….

  2. Purtroppo spesso mi capita di dover pagare anche per il mio cane taglia piccola….che rimane perennemente in braccio per tutto il viaggio. Non lo trovo giusto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close